VITA MORTE AMORE = [(Marco)+(Porta)] x (imprese impossibili)

Marco Porta Parole come ParoleC’era quel mio amico all’osteria che diceva sempre

– 3 sono le parole: Vita, Morte e Amore.

Io mezza ubriaca gli chiedevo

– Perché Amore dopo Morte? Vita, Amore e Morte. Così è corretto!

A quel punto lui brindava alla mia monaggine dicendo che essendo io mona, non riuscivo a capire che l’Amore è l’unica cosa che perdura, che va oltre la Morte, che in qualche modo la sconfigge.

Che ridere!

Questo è il bello dell’osteria: si ride di tutto.
Ridendo, per un istante brevissimo, si sfiora qualcosa di poetico nascosto perfino nel tragico.

Ora:
Marco Porta insegnante di matematica e fisica a Casale Monferrato
Marco Porta artista
Marco Porta, dicevo
si trovò a progettare uno spaventapasseri da esporre ad una mostra a Borgo Valsugana.

Si trattava ovviamente di una commissione, anche perché…
Le hai viste le sue opere su http://www.marcoporta.it?
Uno spaventapasseri lì dentro c’entra come un carciofo nella vodka!
Mah…
Sia stato questo, sia stato altro, Marco Porta non sapeva da che parte cominciare.
Sto spaventapasseri non si riusciva a partorire.

Fu così che decise di compiere un’impresa impossibile.

Si mise in marcia da Casale Monferrato e fece a piedi km & km fino ad Asiago, andando incontro a Mario Rigoni Stern, che stava male, ma così male, ma così male…da morire.

Come prevede ogni impresa impossibile, arrivò in ritardo.
Mario Rigoni Stern era bello che morto.

Che ridere!

Che spesso non c’è tempo per il saluto.
Che la Morte quasi sempre ci mostra il terzo dito.
Che ridere è importante, solleva l’animo.

Perché l’ha fatto?
Perché Marco Porta ha camminato km & km verso un’impresa impossibile, riuscita perfettamente proprio perché fallita?
Eh…
Io lo so.
Ma come faccio a dirtelo?
È un segreto.
Già lo sai che ha a che fare con l’ Amore (& con lo spaventapasseri ovviamente!).
Amore, si.
Che L’Amore perdura.
Che Marco Porta Ama infinitamente: sua moglie, i suoi figli, i suoi amici, i suoi quadri, le sue sculture, il suo albero di mele, le montagne di Demonte, Lalla Romano, la sua bicicletta, sua madre…e Mario Rigoni Stern.

Fine.

{[Noo!
Fine no.
È la parola più sbagliata da usare in questo momento e in qualsiasi altro!

Non finire!
Dimmi qualcosa.
Lo conosci Mario Rigoni Stern?
L’hai conosciuto?
Hai mai letto Il Sergente delle nevi …?
No!(?)
Secondo me no!
Lo sento!
Puoi aver letto tutto l’Orlando Furioso al contrario ok?
Ma Mario Rigoni Stern ci scommetto la gobba che non l’hai letto!
Pochi possono dire di averlo fatto.
9 su 10 portano i baffi!
Non fraintendermi!
Quante sono le donne baffute?
Infinite!
Eppure, Mario Rigoni Stern…?
Un alpino, ti rendi conto?
Ha fatto la campagna di Russia crib…io!
Ma chi, tra di noi twitteristi da strapazzo può alzarsi e lanciare la prima pietra urlando:
Io ho letto Mario Rigoni Steeeern!
L’ho leeeettttooo e mi è pure piaciuuuutooooo!
Chi?
10, 15 sopravvissuti?
Chi?
Tra questi, rari (per dire pochi e per dire anche belli usando altri idiomi).
Tra questi…Marco Porta è in prima linea.

Fine.

No!
Caz…volo!
Niet!
Nein!
No Fine!
Niente Fine Grazie Prego Tornerò!
Fine?
NO!

Esistono un sacco di soluzioni!
Ci sono i fantasmi, le sedute spiritiche, i sogni, ecco: i morti ci danno i numeri al lotto! Se Mario Rigoni Stern mi lanciasse un 13 al momento giusto ZAAACK! Ti divento miliardaria di botto!
È morto a 86 anni suonati! Che faccio? Mi gioco l’86? E tu quanti anni hai? Se crepi adesso me li gioco, giuro! Lo so che non è questo! Ma #CristoSanto! Come faccio? Di fronte alla Morte? Di fronte all’ Amore…#ComeFaccio? Devo leggere il Sergente delle nevi? Oh no! È davvero così faticoso Amare? Faticoso come le imprese impossibili? Come la campagna di Russia? Io non ce la faccio! Fine…Nooo! Punto…Nooo! Voglio solo puntini di sospensione voglio sospendere tutto!
File e file di puntini ………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………………………………………………………………………………..

……………………………………………..come encefalogrammi… … …encefalog…che? Nient! Eliminiamo ogni forma di punteggiatura! La punteggiatura è maledetta & sempre tutta sbagliata! ]}

Uffh

C’è un’ unica cosa che voglio dire
in realtà
una sola stupida cosa

solo che non so come fare

c’entra con Marco Porta e col suo camminare immenso
c’entra col fatto che Marco Porta è vivo
e questo suo camminare non fa che dimostrarlo
è vivo
e l’unica differenza in questa Patria ridicola come in questo Mondo assurdo & nell’Universo coi suoi buchi neri disobbedienti a tutto
l’unica differenza al di là dei vestiti alla moda delle case delle cose della bellezza e tutto il resto
l’unica differenza è

tra chi è vivo e chi non lo è

mi dispiace dirlo
mi dispiace tanto
piango
ma è così

l’ unica differenza è tra chi è vivo e chi non lo è

io e te che stai leggendo viviamo
viviamo
vivi-amo
abbiamo questo compito
faticosissimo

il vuoto che lasciano quelli che muoiono è un spazio sacro
violabile dal ricordo e da nient’altro
il ricordo che riverbera così tanto
da trasformarsi in atto
Come fosse una reazione chimica
una formula matematica
[(R³)+(1524Ḛᵊ) √ ṼxN²] = ♪♪A∞+(⁕⁇)
il risultato finale
la soluzione
è l’Amore

Ha ragione il mio amico all’osteria
3 sono le parole
Vita Morte Amore
Amore viene dopo Morte
perché l’ Amore
perdura

 
(to be continued)

Irene Serini @Caleidoscopic1

Per saperne di più su Mario Rigoni Stern clikka su Wikipedia (!!!:))
Per saperne di più su Marco Porta questo è il sito: http://www.marcoporta.it

*Nella foto: Parole come parole di Marco Porta, 2006 bronzo 16x16x16cm

*Leggi anche Lalla Romano e Marco Porta https://italianselfieblog.com/2015/10/04/lalla-romano-e-marco-porta/

*Guarda il video dell’incontro con Marco Porta 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...